Per offrirti il miglior servizio possibile Ce.S.Am. utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies

Ecco le regole per la prevenzione Covid-19 dal 1 Maggio 2022

MASCHERINE

Stando alle ultime dichiarazioni di esponenti del governo, le mascherine dovrebbero rimanere obbligatorie solo a bordo dei mezzi di trasporto, negli ospedali e Rsa, in cinema e teatri. mascherina rimarrà obbligatoria sul trasporto pubblico, nelle rsa e negli ospedali, nei teatri e cinema ma non negli esercizi commerciali e neanche nei luoghi di lavoro, per la quale può passare ad ad una raccomandazione".

GREEN PASS BASE E RAFFORZATO

Dal 1° maggio avverrà l’eliminazione del green pass per l'accesso al luogo di lavoro. Eliminazione del green pass dal 1° maggio anche per bar e ristoranti anche al chiuso; - mense e catering continuativo; - accesso degli spettatori a spettacoli al chiuso (cinema, teatri) e a eventi sportivi ; - studenti universitari; - centri benessere; - attività sportive al chiuso e spogliatoi; - convegni e congressi; - corsi di formazione; - centri culturali, sociali e ricreativi al chiuso; - concorsi pubblici; - sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò; - colloqui visivi in presenza con i detenuti negli istituti penitenziari; - feste al chiuso e discoteche; - mezzi di trasporto.

VACCINO E GREEN PASS: DOVE RESTA L'OBBLIGO

Fino al 31 dicembre 2022 resta invece l’obbligo vaccinale con la sospensione dal lavoro per gli esercenti le professioni sanitarie e i lavoratori negli ospedali e nelle RSA; fino alla stessa data rimane obbligatorio il green pass per visitatori in RSA, hospice e reparti di degenza degli ospedali. Per le forze dell'ordine, le forze armate, il personale della scuola e delle università, ma anche gli over 50 l'obbligo vaccinale resta in vigore fino al prossimo 15 giugno.

ANCORA UN MESE DI PROTEZIONE PER GLI STUDENTI

La linea del ministero all’Istruzione è di farle rimanere obbligatorie durante le lezioni, del resto manca poco più di un mese alla fine delle lezioni. Il decreto che ha disegnato il percorso di uscita dall'emergenza ha previsto che restino: "Fino alla conclusione dell'anno scolastico nelle scuole (...) è fatto obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie". Ci vorrebbe così un nuovo atto per toglierle, cioè dovrebbe succedere la cosa opposta rispetto agli altri settori e sembra molto difficile che venga preso.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza che dal 1° maggio regolerà le nuove norme anti Covid. I punti ricalcano quanto il Parlamento aveva già approvato in giornata con l’emendamento presentato su mascherine e Carta verde. Mentre sul Green pass la linea del governo si è mostrata più flessibile, consentendo il totale via libera a partire da domenica prossima, per i dispositivi anti Covid la strada è ancora in parte quella della prudenza. Per specifici luoghi e ambienti al chiuso non sarà ancora consentito liberarsi dell’obbligo di mascherina fino al prossimo 15 giugno. La proroga vale per trasporti, cinema, teatri, e ancora scuole, ospedali ed eventi sportivi. Nei luoghi di lavoro sarà valida soltanto una raccomandazione a proteggersi, tranne disposizioni interne dell’azienda. «Sono personalmente soddisfatto», aveva detto il ministro poche ore fa dopo l’approvazione dell’emendamento, «l’inizio di questa fase nuova è coerente con la responsabilità dimostrata dagli italiani che hanno imparato a convivere con il virus con grande consapevolezza. È un atteso messaggio di fiducia per i cittadini».