Per offrirti il miglior servizio possibile Ce.S.Am. utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies

Inadempienze ed errori riscontrati nelle aziende durante i sopralluoghi e le verifiche ispettive

  • Estintori idranti: dislocazione, carica, visibilità, disposizione sul piano di sicurezza chi ne è in possesso;
  • Cartellonistica: integrare uscite di sicurezza, frecce direzionali, quadro elettrico, vietato fumare, vietato l’accesso, attenzione veicoli circolanti, divieto di manutenzione, obbligo uso dei D.P.I., orario di lavoro, numeri di emergenza, organi in movimento, aree vietate , quadro elettrico, messa a terra, esplosivi ecc.
  • Pavimenti: regolarità, pulizia, presenza di buche, scalini, asperità, scivolamenti ecc.
  • Scarso e inutilizzo dei D.P.I. idonei, in particolare di cinte anticadute, elmetti, cuffie, occhiali, guanti, scarpe, di indumenti da lavoro come tute o uniformi o di giubbotti specifici per il freddo o di cappelli ecc.
  • Illuminazione naturale ed artificiale non sempre sufficienti, pulizie dei vetri e scarse aperture;
  • Ricambio d’aria, del freddo e del caldo, mancanza di aspirazioni per i fumi (es. saldature, vernici o vapori)
  • I muletti elettrici vengono caricati in Az. dentro il capannone, anziché isolati dal resto dei locali;
  • Non tutte le schede di sicurezza dei prodotti chimici sono aggiornate e alle volte la valutazione è vecchia;
  • I prodotti chimici non sono etichettati custoditi isolati in ambiente areato, sotto chiave e vengono travasati;
  • La cassetta di medicazione spesso manca, non è segnalata, manca il contenuto essenziale e è scaduto;
  • Prese di corrente e fili elettrici scoperte, non a norma, sporche e in disordine;
  • Mancanza del certificato di conformità impianto elettrico e verifica messa a terra, obbligatori;
  • Macchine ed attrezzature senza il libretto di istruzioni d’uso e manutenzione e certificato conformità;
  • Macchine e attrezzature senza il marchio CE, che con organi meccanici non isolati e segregati;
  • Manomissione delle protezioni alle macchine ed attrezzature e dei sistemi di sicurezza (multabile);
  • Assenza o smarrimento del registro o del libro delle manutenzioni generali dell’azienda;
  • Presenza di ostacoli o materiali nelle zone di passaggio e di emergenza soprattutto alle porte d’emergenza;
  • Il materiale immagazzinato non è stabile con rischio di caduta;
  • Scaffalature e soppalchi non sono fissati e senza il calcolo del carico max sopportabile;
  • Spesso non è corretta la movimentazione manuale dei carichi superiori a 20 Kg. per le donne e i 25 Kg. per gli uomini, nonché distanza di spostamento, torsione del busto e ripetitività, occorre diminuire i carichi;
  • Disordine delle attrezzature e delle macchine che a fine lavoro non vengono riposte al loro posto;
  • Le porte in genere e quelle di sicurezza non sono sempre aperte e neppure facilmente apribili;
  • Bagni, antibagni, spogliatoi e luoghi igienici spesso sono carenti, sporchi e in qualche caso indecorosi;
  • Macchine e attrezzature di sollevamento vanno annualmente controllate e verificate da ditte specializzate;
  • Scarse o carenti manutenzioni a macchine e attrezzature, ma anche a impianti (riscaldamento e climatizzazione);
  • Assenza di un impianto di illuminazione di emergenza, e che funzioni all’occorrenza;
  • Alcuni ambienti di lavoro sono causa di contusioni e ferite a causa del disordine e degli spazi stretti;
  • Spesso le scale mobili, o fisse, non sono a norma e senza antiscivolo e doppio scorrimano (ove obbligatorio);
  • I depositi di olii, carburanti, e i rifiuti non sono protetti, isolati da terra e coperti;
  • Spesso l’arredamento dei locali non è anti trauma, le sedie non sono a 5 razze con rotelle e regolabili;
  • Spesso non vi è disponibilità di acqua per i lavoratori durante il turno di lavoro;
  • Spesso i lavoratori non si lavano durante le fasi lavorative e soprattutto a fine turno;
  • Si abusa nel fumare durante le fasi lavorative così come con l’uso del cellulare;
  • Le porte scorrevoli non sono sempre efficienti e non hanno il blocco di fine corsa;
  • Le porte scorrevoli elettriche non rimangano aperte in caso di distacco della corrente;

APPUNTI DI ERRORI SPECIFICI PER ADDETTI ALIMENTARISTI:

  • Uso di panni, strofinacci e tessuti per asciugare e uso di tappeti assorbenti o in cartoni….E’ VIETATO!
  • Non applicare la procedura degli allergeni e non indicare gli ingredienti anche dei prodotti dei fornitori;
  • Utilizzare contenitori non idonei per alimenti e non tenerli separati in frigo e sollevati da terra in magazzino;
  • Usare indumenti non da lavoro ma quelli “da casa”, non avere spogliatoi e armadietti e scarpe dedicate;
  • Presenza di muffe, umidità o incrostazioni nei locali adibiti a deposito, lavorazione o distribuzione cibi;
  • Rubinetteria inadeguata per uso igienico da parte degli operatori, nonché la poca disponibilità igienizzanti;
  • Uso di aceto per le pulizie, non è ammesso, occorre utilizzare prodotti specifici con schede tecniche;
  • Smaltimento della spazzatura con scarpe che uso in cucina, mancanza di coperchi a pedale dei bidoni;
  • Conservare alimenti deperibili in espositori o distributori a temperatura ambiente e a tempo protratto;
  • Non isolare adeguatamente gli alimenti da insetti volatili, mancanza di tende e zanzariere;
  • Non trascrivere su apposito registro le non conformità e le manutenzioni effettuate.

PER VOSTRI SUGGERIMENTI O APPUNTI, CONTATTACI SUBITO!